Ecco una conversazione Social Pop e “in progress” con Maria Cristina Tonna, Responsabile Fir per il rugby femminile.

Si parla di rugby, ragazze, social, politica ma – come sempre con Maria Cristina – quando si entra nel vivo delle cose ogni argomento viene “scrufuliato” in profondità e da pensiero nasce pensiero che si potrebbe andare avanti per giorni anche se gli impegni di lavoro impediscono spesso di dire tutto quello che si vorrebbe.
Poco male, il rugby ha inventato il Terzo Tempo e Rugbylja ci ha aggiunto anche il Quinto evitando il Quarto dove normalmente si regolano i conti lasciati in sospeso 🙂. “

Pank: ” Ciao Maria Cristina e complimenti a tutte. Lo streaming è un risultato di squadra, come giudichi questa meta da Responsabile e cosa vi aspettate da questo Sei Nazioni?”

MaryC: ” Ciao Caro! Diciamo che la vera notizia non è tanto lo streaming che già avevamo prodotto anche in Italia negli ultimi 3 anni, grazie agli amici di NPR ( Valerio Amodeo e Davide Macor su tutti).
La vera svolta è che il progetto sia comune a tutte le 6 Union, che parta proprio dal 6 Nazioni, dai lavori che abbiamo svolto come Commissione Femminile del Torneo.
Insomma mi pare evidente che se a trattare è una sola federazione può avere meno forza, qui è il 6 Nazioni che vuole portare, chiaramente con il nostro sostegno, il Torneo femminile ad una visibilità simile a quello maschile!
Da qui la produzione per tutte le gare del Torneo, che sarà trasmessa sicuramente in streaming sui canali del 6 Nazioni con possibilità per tutti i Paesi di trasmettere in TV. Ma questo è un altro discorso!”

Pank: ” Questo passaggio lancia una prospettiva di un canale tutto femminile per i club e le scuole tramite il web che si sta rivelando l’arma strategica della crescita del movimento femminile in armonia con le prestazioni sui campi evidentemente.
È utopia secondo te?”

MaryC” Il discorso del web è ampio e complesso!
Io in primis lo uso molto per comunicare con le nuove generazioni, che fa dei social soprattutto una piattaforma di incontro. E’ chiaro che foto e frasi ben confezionate possano far breccia più di una “pallosa” lezione, ma se foto e frasi rimangono solo slogan e non son accompagnate dai comportamenti in sostegno dei valori che vogliono rappresentare….beh sono un contenitore vuoto destinato a frantumarsi da li a poco. Le ragazze devono avvicinarsi al rugby per divertirsi giocando, non perché è di moda farsi le foto con la palla ovale! Ma su questo ho pochi dubbi, in giro ( e ti assicuro che giro molti campi) vedo molte ragazze e donne che si cimentano con il rugby in maniera appassionata, anche in forme diverse, di cui personalmente sono stata sempre una grande sostenitrice, come flag e touche.”
Dunque ben venga tutto il sostegno dal web al rugby!

Pank:” Lo specchio di un’Italia che ancora non si ammette che corra in modo differente…entriamo nel politico ( nel senso più ampio) ma il rugby, lo sport possono essere politica come già Franco Ascantini suggeriva anni fa al termine del suo libro Creatività Totale…il mondo femminile è pronto a questo?

MaryC: ” Il mondo femminile è pronto, non è falsa modestia o propaganda femminista, ma basta guardare le donne tutti i giorni….hanno una forza incredibile nel quotidiano, spesso dico che tutte le donne sono un po’ rugbiste! Come movimento abbiamo dimostrato di essere flessibili e allo stesso tempo rigorose, di saper crescere numericamente ed essere pronte a gestire tale crescita.”

Pancrazio scusa se hai altre domande dovrò rispondere in altro momento, sto partendo.
fammi sapere…..beh scrivimi se hai altre domande…magari ti rispondo al volo; sennò famo le cose monche!.”

Pank: ” Yes..con piacere..ok allora.
Le italiane sono entrate in Europa dalla porta principale, quella dei diritti delle donne; avviene negli altri paesi comunitari in diversi campi oltre allo sport. Come ci vedono gli altri paesi del Sei Nazioni in questo, che Italia percepiscono tramite voi. Forse una domanda ingenua ma mi son sempre chiesto questo. In Europa abbiamo portato diverse donne in posti difficili: Mogherini, Raggi stessa, astronauti, scienziate, artiste, manager come te. Questa Italia esiste per noi stessi Italiani tanto quanto all’estero?”

MaryC: ” Vuoi dire se noi italiani non diamo valore a questi personaggi importanti come lo danno all’estero?
Comunque troppo complessa per ora….😉 rischierei di dirti cavolate! Questa la rimandiamo”

Pank: “..💞 Grazie intanto!! 🙂