Immaginazione, percezione, comunicazione: è dalla sintesi di queste tre facoltà che nasce la creatività; la capacità del pensiero, cioè, di concepire e dar vita a nuove idee.

Per mezzo del pensiero creativo, infatti, tutti noi immaginiamo ogni giorno come usare le risorse disponibili per affrontare il mondo in cui viviamo attraverso le nostre abilità e competenze.

Percepiamo in anticipo le opportunità e i rischi dei cambiamenti improvvisi o attesi.

Dialoghiamo con gli altri per realizzare soluzioni e progetti complessi in diversi contesti sociali e professionali. In quello che è oggi il vero volano di ogni sviluppo: il gioco di squadra.

Creare innovazione utile e originale, tuttavia, è un processo culturale-mentale e pratico che può essere favorito solo mettendosi in gioco come persone; accettando di trasformarci senza sosta.

Seguire l’evoluzione della nostra identità fatta di esperienze ed emozioni originali.

Di valori quali l’ascolto e il dialogo.

La curiosità.

Perché pensare e agire in maniera creativa è sempre una ricerca continua e trasversale di movimento.

Un modo fluido e aperto di porsi con se stessi, con l’ambiente e con gli altri prima ancora che una competenza cristallizzata all’interno di organizzazioni e gruppi.

E’ un’abilità primitiva di adattamento che lega indissolubilmente istinto e cultura.

E’ proprio basandosi su questa dinamica che ciascuno di noi può sviluppare un percorso di orientamento alla creatività calandosi profondamente dentro tre zone – concentriche di esplorazione. A partire dall’interno della persona, e inoltrandosi verso il mondo fisico e la società.

La zona dell’ immaginazione dove riscoprire come solo la piena espressione delle nostre qualità psicologiche più profonde ci permette di costruire una originale personalità creativa.

La zona della percezione dove sviluppare quelle facoltà sensoriali utili a rappresentare l’ambiente esterno e i problemi complessi che ci presenta.

La zona della comunicazione dove acquisire comportamenti relazionali per integrare il nostro pensiero creativo con le potenzialità di un gruppo.

L’obiettivo e la vera difficoltà di sapere utilizzare la nostra innata creatività durante le varie fasi della nostra vita è quella di imparare a costruire competenze per tenere collegati in un sistema queste tre zone.

Difficile, ma non impossibile, a patto di volerlo fare e dimenticare quello che sappiamo per smontare e rimontare ogni giorno una nuova idea di noi stessi e della nostra vita.