Tag

italia

POP RUGBY

L’OVALE TI RICHIAMA ALLE ARMI! :) Maria Cristina Tonna ci parla dell’idea di ricoinvorgere le ex giocatrici di rugby nella crescita delle giovani rugbiste italiane.

CHIAMATA ALL’OVALE! E’ la nuova iniziativa del rugby italiano. Maria Cristina Tonna – Responsabile del Settore Femminile della Fir ha deciso di ” richiamare” nel giro del movimento ovale le ex rugbiste. A Cristina chiediamo di approfondire questa “felice chiamata alle armi ovale”. E conversiamo , come al solito fra fra di noi, con leggerezza e ironia: RUGBYLJA “Ciao Cri, Secondo te cosa riuscirà ad apportareil ritorno delle “donne del rugby nel rugby”? – oltre la componente specificatamente tecnica, la…

Continua a leggere
POP RUGBY

Non ne possiamo più del non rugby della birra: considerazioni ad un intervento di Vittorio Munari

Il rugby in Italia non è solo bere birra, come ormai il rugby è diventato in massima parte da noi, tralasciando quello che di fondamentale è invece: cultura e modello sociale. In un recente intervento dedicato all’evoluzione del rugby in Italia sulla rubrica di un blog, Vittorio Munari pone dei concetti duri all’imbarazzato conduttore. La sintesi delle opinioni di Vittorio Munari è che quello che manca al rugby in Italia sia la cultura del rugby, il seminare conoscenza per raccogliere…

Continua a leggere
POP RUGBY

Italia, il Rugby è uno sport morto inutile da seguire

pop chat con Roberto Parretta È possibile raccontare in modo nuovo il rugby ad una società sempre più distratta e superficiale? Roberto Parretta, giornalista de La Gazzetta dello Sport e blogger con Rugby4Stupid, ci risponde così, con il suo consueto tono paradossale ma acuto alle curiosità di Rugbylja Magazine. Ci occupiamo di comunicazione e di rugby ed è per questo che altri temi si innescano sulla domanda di partenza, argomenti ancora più impegnativi: ma a noi, il rugby, a cosa…

Continua a leggere
POP RUGBY

La mossa del Cavallo di Conor O’Shea

  Beh… forse il buon Clive Woodward non ha mai lavorato e vissuto in Italia 🙂 venendoci solo da turista o per delle partite non ha compreso quello che invece Conor ha capito benissimo e che a Catania viene sintetizzato con una parola: “Jutiti “. Dive Woodward: “Un giorno dovrà guardarsi allo specchio, non puoi continuare a perdere mentre stai dicendo che stai sviluppando. Non puoi fare due lavori, e lui lo sa. Conor sa come la penso, dal momento…

Continua a leggere