Il tempo esiste solo nella realtà

Ciao, Sabato scorso questo signore ha partecipato al Torneo Old di Sesto San Giovanni. A dir la verità non l’ho notato, ma oggi guardando la foto mi sono soffermato sulla sua età e sul suo sguardo. Ho scritto immaginando di essere lui. Enrico Zaglio, 87 anni, ala.

Il tempo esiste solo nella realtà, ma nei sogni non s’invecchia.
Questa pace, questo stato di benessere mentale in cui mi trovo ora l’ho già provato, lo riconosco, come quando da bambino giocavo con il mio amico imm
aginario e mi perdevo ascoltando musica o leggendo una poesia. Allora come ora con lo spirito leggero, sono pronto a vivere. Di nuovo.
Mi sento in uno stato di grazia, trasportato in un mondo irreale e immaginario che mi tocca l’anima. Ma io so che questo mondo in fondo, è reale quanto quello che ci circonda.
Non sono più io, il mio corpo è scollegato dal resto di me. Questo sdoppiamento non mi è mai stato così chiaro come in questo momento. C’è la mente, c’è il corpo, due entità distinte che mi compongono ma allo stesso tempo non mi completano, come se avessi eternamente bisogno di un nuovo contenuto, di una nuova meta che faccia da collante fra corpo e mente. É il contenuto che fa di me quel che sono. E la mia essenza è sempre stata qui, in un altro mondo.
Essere se stessi, essere felici. Non credo ci siano altri scopi da raggiungere nella vita, ma siamo fatti per dimenticare, per lasciarci prendere dal quotidiano, dall’abitudine, dalla vecchiaia. Sarebbe più semplice non pensarci più, alzare le spalle e lasciar perdere. Potrei scegliere di stare fermo qui, fin che dura. L’abitudine, comoda ed accogliente del non dover più rendere conto a nessuno. Ma non oggi. La mia mente è talmente lucida che già da molto ho superato l’ordinarietà della vita reale per andare oltre. C’è chi la chiama saggezza, chi pazzia. Poco m’importa, inizio a ritrovare il mio corpo, in piedi, solido come un ventenne, lo sto solo immaginando ma le differenze con la realtà non esistono più, è il mio amico invisibile che è tornato, è la musica, la poesia.
Le emozioni, ecco il segreto. Sono loro la chiave. Scaccio la paura, mi scaldo di nuovo al sole, ho preso forma, ora ho mille punti di vista diversi per vedere meglio la mia vera forma.